fbpx

Rimuovere il tartaro dai denti: 5 rimedi naturali

Esistono efficaci rimedi naturali per rimuovere il tartaro dai denti, contrastare la proliferazione batterica nel cavo orale e neutralizzare l’azione degli acidi nocivi rilasciati dalla placca.

La placca batterica, chiamata anche patina dentaria o placca dentale, è una sgradevole patina viscosa composta da batteri della flora batterica orale e cellule in disfacimento, che si deposita costantemente sulla superficie dei denti, in prossimità delle gengive e negli spazi interdentali.

Germi e batteri reagiscono con il cibo, ed aumentano di numero grazie al contatto con alcune sostanze presenti negli alimenti che ingeriamo, tra cui l’amido, il lattosio contenuto nel latte ed il glucosio presente negli alimenti zuccherati, nemici numero uno della nostra salute orale. Queste sostanze favoriscono la proliferazione della flora batterica nel cavo orale e la formazione della placca.

Cos’è il tartaro

Il tartaro è un’evoluzione dei residui di placca. Se non costantemente rimossa con spazzolino da denti e filo interdentale, la placca batterica subisce un processo di mineralizzazione a causa dei depositi di sali di calcio, diventando un’ostinata concrezione grigio-giallastra comunemente detta tartaro, che può essere eliminata solo dal dentista con apparecchi meccanici o ad ultrasuoni.

Placca e tartaro rilasciano acidi nocivi che, incollandosi alle superfici dentali, favoriscono l’insorgenza di carie, quando intaccano lo smalto dei denti, e di patologie gengivali, come gengiviti, parodontite e retrazione gengivale, che, se trascurate, possono portare alla perdita prematura dei denti.

Come rimuovere la placca

Un’accurata igiene orale quotidiana è indispensabile per rimuovere la placca batterica da denti e gengive prima che ne comprometta la salute. Utilizzare correttamente spazzolino da denti e filo interdentale è fondamentale.

Si raccomanda di spazzolare con cura i denti dopo ogni pasto. Assicurati di attendere almeno mezzora dopo aver mangiato, per permettere alla saliva di ripristinare i livelli di acidità nel cavo orale, temporaneamente alterati dall’assunzione di cibo. Accosta le setole dello spazzolino da denti alle gengive con la testina inclinata a 45° e spazzola i denti senza esercitare troppa pressione. Passa, poi, alle superfici interne. Spazzola con cura anche la lingua e, al termine dell’operazione, fai uno sciacquo con del collutorio antibatterico.

L’uso del filo interdentale una volta al giorno è cruciale. Selezionane un segmento, avvolgilo agli indici e fallo scivolare tra un dente e l’altro per rimuovere placca e residui di cibo.

Come rimuovere il tartaro dai denti

Una seppur meticolosa igiene orale casalinga non è in grado di eliminare i depositi tartarici, e pare che solo sottoponendosi regolarmente a sedute di detartrasi professionale eseguite da un igienista dentale si possa rimuovere completamente il tartaro.

Tuttavia, molti non sanno che esistono efficaci metodi naturali con cui è possibile rimuovere il tartaro dai denti senza dover andare dal dentista per la consueta seduta di pulizia dei denti, o ablazione del tartaro. Scopriamoli insieme.

Share:

Lascia un commento